TECNOLOGIA FVM

La funzione FVM (Flexible Voltage Management) è stata ideata da Fracarro
per gestire l’alimentazione dei prodotti secondo un ordine di priorità

Nell’installazione dell’impianto dCSS è bene tener conto che il consumo di corrente di questa nuova tecnologia sulla porta utente è di circa 350 mA, molto maggiore rispetto alla tradizionale legacy (circa 50-100 mA).

Per adattarsi meglio alle esigenze di impianto, Fracarro ha ideato l’innovativa gestione FVM (Flexible Voltage Management) che prevede diverse modalità di controllo delle tensioni; i prodotti possono essere infatti alimentati per ordine di priorità: da porta DC-IN, da linea VL o dal solo decoder, senza dover agire su un dip switch esterno.

Grazie alla tecnologia FVM è possibile risolvere tutti i problemi di telealimentazione presenti sugli impianti, perché i prodotti possono essere alimentati con un alimentatore esterno (nel range 12-18V) per ridurre il carico di corrente sulle derivate e garantire il loro funzionamento con qualsiasi tipo di decoder, anche in impianti con lunghe tratte di cavi coassiali; il passaggio DC su tutte le porte e la linea diretta su HH garantiscono la continuità della telealimentazione e la compatibilità con i multiswitch già installati.

Alimentazione da porta DC-IN

I prodotti sono dotati di un connettore F DC-IN, la tensione presente su questo connettore si fa carico dell’intera alimentazione del multiswitch e viene automaticamente bloccata verso l’LNB, per non interferire con l’impianto esistente; le linee passanti diventano secondarie anche se percorse da una tensione maggiore e il carico al decoder sulla porta utente scende a 85 mA.

VANTAGGI: la soluzione è ideale per inserire un multiswitch in un impianto già esistente, perché mantiene inalterati i consumi sulla dorsale di edificio. Inoltre ogni piano è gestito separatamente perciò, in caso di malfunzionamento dell’alimentatore di piano, il danno viene isolato.
SVANTAGGIO: sono necessari più alimentatori (1 per ogni piano + 1 per l’illuminatore).

Alimentazione da linea VL

Questa tipologia di impianto è la più comune; multiswitch e LNB sono interamente alimentati dalla dorsale di edificio e il consumo del decoder sulla porta utente scende a 85 mA. Le linee VH e HL possono essere utilizzate per ripartire il carico sugli impianti più complessi e la tensione sulla linea VL viene inviata anche sull’ingresso VH per poter alimentare due diversi LNB con un solo alimentatore.

VANTAGGI: Semplificazione dell’impianto. Riduzione del consumo della porta derivata per rendere compatibile l’impianto con qualsiasi decoder. Le linee passanti diventano secondarie anche se percorse da una tensione maggiore e il carico al decoder sulla porta utente scende a 85 mA. Questa soluzione è ideale per inserire un multiswitch in un impianto già presente, perché mantiene inalterati i consumi sulla dorsale di edificio.
SVANTAGGIO: in caso di malfunzionamento dell’alimentatore, tutto l’impianto sarà compromesso.

Alimentazione da solo decoder

Questa modalità si attiva quando non c’è una tensione sul connettore DC-IN o su linea VL ed è utile per limitare il carico del multiswitch sulla dorsale anche quando non c’è la possibilità di portare una tensione al piano; in questo caso:

  • la tensione dal decoder viene automaticamente bloccata verso l’LNB per non portare troppo carico alla porta utente
  • la tensione sulla linea HL viene inviata anche sull’ingresso VH per poter alimentare due diversi LNB con un solo alimentatore.

Con questo tipo di alimentazione:

  • Serie SCD2-5..W: l’intero multiswitch viene alimentato da decoder, basta installare un alimentatore per l’LNB
  • Serie SCD2-5..WTA: solo gli amplificatori TV e Satellite di ingresso sono alimentati dalle linee HL e/o VH, la parte SCD2 di uscita viene alimentata dal decoder per ridurre al minimo il carico sulla dorsale dell’impianto ed evitare errori installativi.

VANTAGGI: alternativa nel caso di mancata tensione al piano

SVANTAGGI: è necessario verificare la compatibilità con il decoder (corrente massima erogata dal decoder di almeno 400mA). È necessario un ulteriore alimentatore per LNB.

This post is also available in: English Italiano Français